Tu sei qui

 L’istruzione e la formazione sono le armi più potenti che si possono utilizzare per cambiare il mondo. (Nelson Mandela)

25 aprile: libertà e pace nel ricordo del maestro Anselmo Cessi

Versione stampabileVersione PDF

“Tollera i difetti dei tuoi compagni se vuoi che siano tollerati i tuoi. Quando sarai adulto rispetta l’opinione altrui anche se contraria alla tua. Troverai persone che credono in una fede alla quale tu non credi. Ne troverai altre con idee politiche opposte alle tue; rispettale e ammirale se sono oneste; giudica le persone dalle azioni più che dalle parole. L’intolleranza offende la giustizia”.

Queste le parole del maestro Anselmo Cessi dettate ai suoi alunni di quarta elementare. E da queste parole altri ragazzi dell’Istituto Comprensivo di Castel Goffredo, con la lettura di passi del libro “Con la lucerna accesa” e lo studio di documenti sulla vita castellana del periodo, alcuni dei quali conservati nell’Archivio storico comunale “Lorenzo Bellini”, partono per riscrivere la sua vicenda. Tutto raccolto in due giornali storici di classe.

Vai ai giornali storici

                                     I libri "Castel Goffredo nel dopoguerra ed il maestro Anselmo Cessi"

                                          sono stati realizzati dalla classe 3D, Secondaria di 1° grado.